About

“Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendia si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio. Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. Il mondo era cosí recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito.”

(Gabriel Garcia Marquez, Cent’anni di solitudine)

Annunci

33 risposte a About

  1. mbj ha detto:

    Buona Pasqua 🙂

  2. paulabecattini ha detto:

    Quando qualcuno scrive di sè (About), con parole altrui, non lo trovo affatto buffo o declassante.
    Ma è come nascondersi dietro un dito! Simile, ma non suo.
    Ti ringrazio di avermi fatto visita.
    🙂
    P.S. – Non è una critica, anzi… sei stimolante! (in tutti i sensi…)

  3. esercizidipensiero ha detto:

    eccomi che ti commento qui così ce l’hai il mio contatto.

  4. poetella ha detto:

    quel libro!
    E qui…si sta bene quasi come tra quelle pagine!
    Viva!

  5. pilar93 ha detto:

    Questa pagina si merita un cuore IMMEDIATAMENTE. ♥

  6. aliceoalmenocredo ha detto:

    Titolo meraviglioso… a latere: ti ho proposta per lo shine on award, spero mi perdonerai!

  7. labloggastorie ha detto:

    …vedo oggi che il cactus è fiorito! 🙂

  8. farneticante ha detto:

    ti ho detto, no, che leggendolo ho avuto parecchie allucinazioni.

    però ho notato quei versi di vascobrondi lì in cima. mh. ci stava meglio De Andrè, sai.

    • mododidire ha detto:

      Ci stava meglio ma mi faceva stare peggio

      • farneticante ha detto:

        non fa una piega.
        epperò vascobrondi, voglio dire.

      • mododidire ha detto:

        Che c’ha di male Vasco brondi? La vera poesia del cinema di periferia!

      • farneticante ha detto:

        ma no, nulla.
        solo che è così lucidellacentraleelettrica.
        (perdona la scemenza – sorrido)

        il primo disco mi piacque molto. poi lo abbandonai perché mi venne a noia, sempre uguale a se stesso.

      • mododidire ha detto:

        ma come negli appartamenti subaffittati senza toglierci le scarpe ci siamo addormentati rovistando nei futuri più probabili e accostare frasi senza senso però romantiche non ti piace?
        con me non devi essere niente.
        non lo trovi undergroundamente maggggico?
        Certo se a me uno mi chiama venere del mio intestino tenue gli faccio ingoiare quello crasso con tutto il contenuto…

        Però ci si sente un po’ bambini quando li si ascolta. Tipo quarantaquattro gatti e il cammello catalitico (due epoche diverse, tu di quale epoca sei?)

      • farneticante ha detto:

        a me piacque molto questo “maratone sulle tue arterie sulle diramazioni autostradali sui lavori in corso solo per farti venire” e poi “i tuoi capelli che sono fili scoperti”. serio.
        oltre ad aver abusato in tutti i modi della gigantesca scritta coop che all’occorrenza diventava agip e quant’altro.

        di quale epoca. mh, dunque vediamo.
        avevo superato i vent’anni negli anni zero di vascobrondi.

      • mododidire ha detto:

        Eh ok, io li ho superati da poco meno. Sì le maratone sulle tue arterie e i lavori in corso solo per farti venire sono la parte migliore, mia preferita, adorata dalla mia pelle in giù. Cioè dalla mia pelle in dentro. Cioè vabbè 🙂

      • farneticante ha detto:

        mh.

        invece quando ho sentito ventimila leghe sotto il mare Adriatico stavo per diventare idrofobo. non scherzo.
        (rido)

  9. ysingrinus ha detto:

    Gran bel brano!

  10. liberadidire79 ha detto:

    grazie per l’invito!

  11. MarianTranslature ha detto:

    Incipit meraviglioso per un blog! Felice di cominciare a far parte di Macondo!

    • mododidire ha detto:

      Grazie… Ne sono passate di acque dal lontano giorno dell’About di Macondo. Ma da tanto non avevo nuova umanità!
      Benvenuta, ti seguo anche su twitter, ma lì sono vera, non un cactus 😉

  12. Franz ha detto:

    Con quelle parole di Marquez in esergo al tuo blog lasci intendere chi sei assai più che una scialba nota biografica… se poi vuoi dirmi il tuo nome… eviterò (perché non mi è possibile) di indicarti col dito per designare la tua persona 😀

    https://polldaddy.com/js/rating/rating.js

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...