Peli e travi

Perché penso che avere un uomo vicino sia come avere un figlio, perché penso che richieda fatica e un’ipocrita abnegazione? Perché credo che alla fine tutte le donne fingano, in un modo o nell’altro?

Perché l’uomo – non solo quello con cui intrattieni una relazione sentimentale, anche solo quello che incontri – è fatto per venir spinto in avanti in questa vita, da essere incapace di autonomia. E così a quello che era bravo in disegno alle elementari devi dire che ha il futuro da architetto, a quello che ha fatto la lezione di prova di clarinetto a scuola che ha un talento naturale e che “dio, che peccato tesoro, perché hai smesso?”, a quello che torna dalla partita di calcetto con la caviglia a pezzi devi dire “è che sei troppo bravo, non come quelli che stanno fermi”, al collega maschio devi dire che senza di lui non ce l’avremmo mai fatta a raggiungere quel risultato, all’amico artista che ha “una sensibilità tutta da sposare”.

Di un pelo una trave, si dice a casa mia. Da assecondare.

Che poi in due (o più) si sa che non è vero, ma tant’è.

L’essere maschile ha costantemente bisogno di lusinghe, per qualunque cosa, come un bambino ritardato. La differenza è che i piccoli complimenti e riconoscimenti servono al bambino tardo nell’apprendimento ad andare realmente avanti e fare progressi con le sue forze, all’uomo medio servono proprio per vivere e respirare.

Ma possibile che non esista nessuno con poche ambizioni, disposto a fare il suo dovere e tacere senza aver l’ansia dell’allungamento nei successi creativi della vita?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Bestiario, Daily, Nugae e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Peli e travi

  1. Wish aka Max ha detto:

    A volte dipende soltanto da quante pacche sulle spalle hai ricevuto (o meglio non hai ricevuto) da bambino. A volte è semplice orgoglio per quanto sei riuscito a realizzare. E a volte è un pizzico di narcisismo.
    Attenzione però a queste generalizzazioni, perché generalizzando a quel modo potrei dire che non ho mai conosciuto una donna che abbia un rapporto sano con i suoi capelli, che non ho mai conosciuto una donna che sia consapevole dei propri punti di forza, che non ho mai conosciuto una donna che non sia piû preoccupata dei propri difetti fisici che delle qualità… 🙂 Marte e Venere, ma ognuno ha le proprie paranoie… 😉

  2. Enzo ha detto:

    Interessante.Il mio vissuto dice che qualche talento naturale lo avevo: scrivere, fare il giornalista, oppure l’avvocato. Dopo venti esami a legge mi sono perso. E ancora oggi ho paura dell’autonomia. Ah, noi uomini! Buon 2015!

  3. Personaggio in cerca d'Autore ha detto:

    in effetti, siamo proprio fatti così… 😦

  4. poetella ha detto:

    ma… parlavi di uomo inteso come essere umano, vero?
    (guarda che pure le donne so’ così)

    e poi, ovviamente, non tutte… non tutti…
    Ovviamente.
    ancore buon anno, cactus!

  5. menteminima ha detto:

    Ecco, alla fine la colpa è sempre della mamma o della maestra …

  6. romolo giacani ha detto:

    Tutto assolutamente vero. Se non ché confondi l’uomo maschio con la parte mascolina che noi ovviamente abbiamo in parte predominante (e mica sempre), ma che avete assolutamente anche voi. Insomma, mal comune… 🙂

  7. macchinadelpopolo ha detto:

    Siamo così bisognosi di ciò che, se non ci viene riconosciuto, siamo capaci di inventare religioni che sottomettono le donne. Così imparano a farsi troppe domande.

  8. ma quanto son belli i commenti di potella, mm e, soprattutto, mdp (che, da adp, già sento come parente :-P)

  9. tramedipensieri ha detto:

    😄😄😄😄😄😄😄😄😄😄😄

  10. icecamp ha detto:

    “Michele comprese immediatamente che non si poteva guardare Mary Poppins e disobbedirle. C’era qualcosa di strano, di straordinario in lei; qualcosa che turbava e allo stesso tempo elettrizzava. Il cucchiaino si avvicinava. Michele trattenne il respiro, chiuse gli occhi e aprì la bocca. Sentì un sapore delizioso. Si leccò le labbra. Inghiottì e un sorriso di felicità gli illuminò il viso.
    «Gelato di fragole!» disse rapito.
    «Ancora, ancora, ancora!».”

    Si sa, che le femmine siano state fatte brave per le paranoie e per cazziare e i maschi invece per ingoiare schifati lo sciroppo, che poi ci piace però. E piace ad entrambi.

  11. lilasmile ha detto:

    Aho ma me pare che qui si spari a zero. Della serie quando ce vò, ce vò
    Bella cactus sta attenta a non urtare la sensibilità di qualche macho eheh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...