Archivi del mese: aprile 2014

Controvento

Ciao, Adam. Ti lascio questo biglietto nascosto sotto il piattino del muffin, a destra del vaso di fiori e a sinistra della caffettiera per la tua colazione, perché voglio che tutto questo ti sia dolce come il dolce che vuoi … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Love, Memories, Per Lettera | 3 commenti

Sogno #2

Una serata molto strana. Nel centro storico della mia città, troppo poco illuminato, come sempre. Deborah frequentava la mia scuola, ma ora che sono sveglia non so nemmeno chi è e perché la conoscessi così bene. Il particolare del suo … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Visioni | 5 commenti

Sogno #1

Delle cose mortali si ha paura immediatamente. Non devi neanche prima capirle. è un attimo, un istinto. Lui è comparso dalla porta urlando e muovendo quella pistola a raggio. Ora sono sotto il banco, c’è la mia compagna di banco … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Visioni | Lascia un commento

Mani

Le mani sono l’unica cosa che ci serve. Mani forti e polsi pieni di vita. Non ho mai saputo usarle le mani. Mia zia mi insegnava a ritagliare e mia madre a impastare la pizza, ma tutti erano concordi sul … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Senza categoria | 15 commenti

Resistenze del giorno dopo

*Grazie a Concita, maestra, come sempre Tu dici che la rabbia che ha ragione È rabbia giusta e si chiama indignazione Guardi il telegiornale Ti arrabbi contro tutta quella gente Ma poi cambi canale e non fai niente Io la … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

I miei occhi sono pieni di sale

La Calabria è un posto in cui la municipale può chiudere l’accesso a un paese intero per un funerale. La Calabria è un posto in cui – data l’assenza di complanari, tangenziali, autostrade e spesso anche strade asfaltate – l’accesso … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Cronache dalla Terra del Sole, Daily | 8 commenti

Oggi questo blog è in lutto

Come tutta Macondo, che «era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Daily, Memories | 2 commenti

Ammissioni

Io mi vergogno di un sacco di cose. Alle volte mi vergogno anche di esistere. Perché in fondo sto occupando posto in piedi sulla strada che mi deve tener su, o sull’autobus, o in generale nel mondo. Sto occupando posto … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Senza categoria | 30 commenti

Dove finisco io

C’è chi dice “tutti”, e c’è chi dice “solo io”. Di fronte all’infelicità propria, alcuni dicono per consolarsi “io sono infelice, ma chi non lo è?” Altri “perché proprio a me?” Di fronte a una competizione persa, alcuni dicono “sì … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Senza categoria | 7 commenti

Argini

Mi chiedo se voglio essere il fiume o la pietra che sta di sotto. Se voglio scorrere, ipotecata dalle correnti, cambiare ed essere maledetta da tutto quello che incontro per il fatto di essere sempre diversa da me stessa, in … Continua a leggere

Vota:

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento