Black Swan

Nevrosi, nevrosi, nevrosi. Un thriller psicologico che mette ansia dall’inizio alla fine. In fondo è riuscita ad agitarmi anche la cameretta della protagonista, tutta colorata di rosa e quelle lenzuola con stampe zen dove DA SOLA tenta di diventare una donna, di trasformarsi in un cigno perverso, diciamo. Scene veloci, bulimiche, cariche. Interessante la musica, ovvio, in un film sulla danza, che definire filmsulladanza è davvero riduttivo.

Così come definirlo un film sul doppio, sull’alter ego, come ho pensato dopo il primo tempo. C’è dell’altro, e sta tutto in Nina, Natalie Portman, che da quanto abbiamo visto a partire da V per Vendetta ama interpretare questi ruoli in crescita, dove qualcuno (un seducente maestro di danza in questo caso) la prende di mira, per strapparle il coraggio dalle viscere e insegnarle a mordere. Il visino sorridente di una ballerina intrappolata in un carillon d’epoca è quello della Portman, ingabbiata davvero dalle frustrazioni della madre, a sua volta mediocre su tutti i fronti. Tutta quell’atmosfera da disordine mentale aiutata da fluidi corporei, vomito e sangue, parecchio normali in ogni brava ballerina che si giochi quotidianamente la vita su 2 cm di alluce, mi ha colpito, così come quell’omicidio di se stessi, che in fondo non è possibile. Non lo è, perché non esistono solo personaggi bianchi o solo personaggi neri, persino a teatro, persino tra i visionari. Persino nel trucco. Le sfumature, purtroppo o per fortuna sono una malattia contagiosa. Ma la Portman questo brutto grigio se lo gioca tutto, scommette sulla perfezione, lei.

E avrebbe dovuto anche scommettere su quell’Oscar, ché se l’è meritato tutto. Non so se è più bella o più brava, superlativa, in ogni caso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in con infamia O con lode e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Black Swan

  1. gessi74 ha detto:

    Interessantissima recensione…In effetti mi incuriosiva molto come film…mi sa che ci facico un pensierino..
    Stefano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...